Poesie

da "SOGNAGIONE"

L'ALBERO DELLA VISIONE

Dammi Signore
la mia cecità
quotidiana
affinché io possa
mangiare
dell’albero
della visione

Nel giardino
soale
insegnami
ad arare
a coltivare
il canto
prodigioso

Ed io
mi nutra
del sonoro
frutto
E la terra
ne abbia
messe copiosa
E gli occhi
esultino
per la vendemmia


Divisore


SOGNAGIONE*

Nella piantagione
dei sogni
l’agricantore**
coltiva
la sua messe
di stelle

E la vergine terra
accoglie
il suo canto
apre i frutti
sonori
nella bocca
del mondo
affinché tutti
mangino
dell’albero
in abbondanza
e ciascuno
veda
con gli orecchi
la luce e la dimora



*piantagione (o stagione) dei sogni
** è il poeta soale, che coltiva i sogni e il canto nella terra di Soaltà


Divisore


RAPPRESENTAZIONE

Nella visione reale
dileguano
il sogno e lo s-guardo

Soaltà*
attrice
apre il sipario
nel mondo

Guardiamo fuori
e in noi si apre
la scena



*fusione di sogno e realtà (neologismo dell’autore, già titolo di una silloge poetica e nuova visione del mondo)


Divisore


FUORI SCENA

Destiamoci
al sogno
per crescere in
v i s i b i l i t à

Coltiviamo
sulla scena
il suo seme
di luce
affinché
il canto
fiorisca
tra gli applausi
e il mondo
apra gli occhi
allo stupore


Divisore


TERRA!

In terra di soaltà
l’agricante*
libera il canto
e un grido
di stelle
conquista
la scena

Tra gli applausi
un’infiorescenza
di s-guardi
volge gli steli
alla luce



*è il poeta soale: agricoltore cantore navigante


Divisore


LA VISITA

Io canto l’amore
che con passo di danza
viene a visitarmi
Ed ecco
il mio s-guardo si nutre di oro puro
plana nella notte profonda
come un sole-gabbiano
e l’ospite prima inatteso
ora mi è familiare

Nel giardino soale
cresce
col sillabario celeste
l’albero della visione

Amo quest’amore
che nel cielo infinito moltiplica
le mie braccia
Quando l’angelo viene
ha inizio lo spettacolo
il sogno si spalanca sulla scena
e apre nuovi sipari
Con mille bocche riproduce
il suono delle cornamuse
tracima il firmamento
con tutte le stelle
nello spazio fiorito
e la voce che chiama
silenziosa
è un fiume di luce

Io amo
questa veglia d’amore e di fuoco
amo la soglia segreta
il mistero numinoso
che fa di me un viandante
Amo
la Poesia
che con fruscio d’ali
bussa ed annuncia
Allora i miei passi conoscono
lo stupore del cosmo
E le cose
anche le piccole
e dimenticate cose
sognano il loro angelo

E l’uomo
che vinto si piega all’ascolto
libera le neurostelle*
per il convivio d’amore



*le idee, splendenti come stelle (neologismo dell’autore)


Divisore


LA LUCE BUONA DEL GIORNO

Nella sacralità del silenzio
custode della scena
si apre d’incanto
lo spettacolo
In preda allo stupore affondano
i passi
nella notte profonda
a catturare
qualche stella diurna
Così mentre nascono i sogni
e le crisalidi prendono forma
apprendiamo leggeri
il primo respiro del mondo

Fuori la vista
si distende in paesaggio
cresce in visibilità
e attraverso la soglia
s’accende d’un fiato
la luce buona del giorno

Allora si cammina sull’acqua!
In verità non c’è posto
per la fioritura
dove l’albero è secco
e mette radici di pianto
ma dove c’è nuova vista
l’occhio ritrova in natura
l’antico riposo
Allora nel tempio irrompe
l’universo
e sulla diafana scena inizia
la cielificazione*

Qui è il belvedere dove il sogno
supera la veglia
Qui i passi
hanno un suono d’ali
un bisbiglio di luce
che agguanta l’aurora
Ed ecco!… con noi incede
la Bellezza
e nella sacra virtù
l’occhio discerne
il divino fuoco per il mondo



*lett. rappresentazione, manifestazione del cielo interiore; est. processo di purificazione attraverso l’irruzione del cielo nella coscienza (neologismo dell’autore)


Divisore


NEL DIVINO SPLENDORE

Con occhi ancora inesperti attendiamo
nel tempo della povertà
l’hölderliniana svolta
Ancora fuggitivi sono gli dei
nell’olimpo degli eroi virtuali
nella fucina di carne e d’acciaio
ove si consuma
nel sacrilego rito della tecnica
l’oro della Bellezza

Il mondo pende ancora sull’abisso
dove osa lo s-guardo che si abbarbica
sull’estiva radice affinché cresca
il sogno
nel divino splendore del Vero
Ma…
dove sono i poeti del pane e del vino?
dove si materializza il loro spirito?
perché non siedono in cerchio alla visione?
perché non celebrano e non battezzano?

Dove un dio non può
nel tempo consunto della povertà
molto è concesso nella devozione
dello s-guardo
che vede nel fondo dell’abisso
una radiante eternità
Qui si edifica
il tempo della spiga e della vite
Qui nella notte sacra
la ragione si concede allo spettacolo
e sulle tracce degli dei congiunge
il cielo e la terra

Così i poeti rigenerati
nell’inaudito cerchio realizzano la svolta
Da oriente a occidente aprono il cammino
sulle orme del sogno
e l’occhio che apprende la rivoluzione
cede allo s-guardo grande amante
del verbo mattutino

Nella vigna dell’iride cresce alfine
la visione
e il canto che tra le stelle fiorisce
vince nel mondo
l’essere epocale

Straniera la Bellezza
conquista la terra
col passo estivo degli dei
Nottetempo risorge
l’antica voce dei poeti
e con la fiammeggiante Aurora
l’essere scintilla
canta
con voce celeste

Oh dimorare con occhi sapienti
nella vivente scena della notte!


Divisore




da "SOALTĂ"

SOGNAGIONE

Coltivo
nella piantagione
dei sogni
una stella
rubata
al sillabario
celeste
Tra costellazioni
di sillabe
nasce
la
parola cometa
ed è pianta
di luce
che tra cielo e
terra
fiorisce


Divisore


LE PAROLE RICCHE

CIELO non è certamente
una parola povera
così SOLE e STELLA
Le pronuncio e
m’inondo
di luce
Di più m’inondano
SOGNO e UNIVERSO
ESSERE e INFINITO
parole ricche
in cui respira il cosmo
che in me respira
quando le pronuncio


Divisore


UNI-VERSO

E se ci scoprissimo
ad un
tratto
a
p a r l a r e
il linguaggio
del sole?


Divisore


FOLGORAZIONE
(a S. Mallarmè)


Ricca e solare è la notte
in quei fulgidi attimi
in cui si mostra
-sublime sostituto
dell’universo-
il Libro!


Divisore


S O A L T À

Un altro cielo
è il sogno che attraverso
a ridosso delle stelle
e quest’ombra
che adesso mi conduce
è una luce infinita…
la soaltà senza tempo


Divisore


SENZA MUSICA

C’era musica nel grido
che conquistava la terra
Canto di confini e di lontananze
Canto di soledad e d’amore

Ora danzano poche note in un grido
Stanno / uccidendo / la musica
E non c’è più solitudine sulla terra

L’uomo S O L O
viaggia col mondo nell’oceano glocale
e il suo io solitario clicca hard-files
per cuori digitali

E non c’è più amore sulla terra

Il mondo è un villaggio cloacale
e se il sabato è virtuale
dimani sarà festa di clo(w)n-i e di ominidi

E non c’è amore E non c’è più
solitudine

Nel sito unidimensionale
il mito ritorna in catene

L’uomo-ombra è un gigante
a misura di pollici
Collaziona lune di carta
in labirinti di password

E non c’è musica se i golem
conquistano la terra
Se la solitudine è omologata
il canto non si propaga

Stanno / uccidendo / la musica

Nell’immobile cyberspazio
capolina una stella transgenica
La sua luce non brilla
nel trapianto del cielo
si accende con l’ultimo grido
che spegne la terra

E non c’è amore E non c’è più
solitudine
Stanno / uccidendo / la musica
Stanno / uccidendo / l’uomo


Divisore


QUO VADIS, HOMO?

Navigatore antico senza remi
sei approdato in terra di celluloide
nelle figurali sequenze di un Lang

Figlio sedotto e prodigo
in futura necropolis

Hai lasciato risonante dimora per siti solitari
Ti abbagliano faraoniche immagini
mentre navighi in nuove galere
dentro l’occhio cimmerio del globo
senza porto né nóstos

Nella Metropolis virtu-ale
sei Ulisse accecato da Polifemo
sei re David fiondato da Golia
e sei il nuovo Adamo fagocitato da Apple

In questa terra desolata
dentro il suo cielo capovolto
giaci Senza serpente né Golgota
E per virtù dell’ale sei Icaro
caduto fuori dal mito


Divisore


ALLA PENNA

A te
che sei dispersa
nel grave oblio dell’uso
levo tra solitudini d’inchiostro
questo canto
che mi conduce alfine
al tuo respiro
E t’invento
(alla luce del mio essere)
piuma d’uccello
come la prima volta
che nascesti
a questo eterno gioco dello scrivere
E ti vedo
nel bianco volto del cielo andare
vaga di stelle
tra il sogno che trascrivi
ed il risveglio
che quasi per incanto ti sorprende
a decifrare
in improvviso volo il mondo!


Divisore


PRIMA VISIONE

La prima volta che vedemmo il mare
fu sogno poi smarrito dentro il cuore
ora speranza è nella lunga attesa
il naufragar degli occhi a nuova luce

La prima volta che vedemmo il mare
fu musica rubata alla conchiglia
ora nel cielo dentro i nostri sogni
salpa leggero un dolce cuore d’acqua

La prima volta che vedemmo il mare
fu azzurro sulle ali di farfalla
poi…l’attimo improvviso della sera
e un fossile ricordo da inventare

Credits reserved to Guglielmo PeraltaTOP